Promo banner 2021

Spedizioni di rifiuti di plastica: nuove norme UE sull'importazione e l'esportazione di rifiuti di plastica

Dal 1 gennaio 2021 sono in vigore nuove regole per import / export di rifiuti da materie plastiche.

Spedizioni di rifiuti di plastica: nuove norme UE sull'importazione e l'esportazione di rifiuti di plastica

La Commissione Europea ha adottato a fine 2020 nuove regole sull'esportazione, l’importazione e la spedizione intra-UE di rifiuti di plastica. Queste nuove regole vietano l'esportazione di rifiuti di plastica dall'UE verso paesi non OCSE, ad eccezione dei rifiuti di plastica puliti inviati al riciclaggio. Anche l'esportazione di rifiuti di plastica dall'UE verso i paesi OCSE e le importazioni nell'UE saranno controllate in modo più rigoroso.

Nell'ultimo decennio, il traffico incontrollato di rifiuti di plastica è aumentato, danneggiando sia l'ambiente che la salute pubblica. I rifiuti di plastica sono finiti in discarica, sono stati bruciati all'aria aperta o gettati nell'oceano. Le nuove norme dovrebbero porre fine all'esportazione di rifiuti di plastica verso paesi terzi che spesso non hanno la capacità e gli standard per gestirli in modo sostenibile. Questo è anche un impegno chiave sia del Green Deal europeo sia del nuovo Piano d'azione per l'economia circolare. Parallelamente, la decisione contribuisce alla strategia dell'UE per la plastica, che mira a ridurre i rifiuti di plastica e incoraggiare una migliore selezione e riciclaggio.

Le nuove regole sono in vigore dal 1 ° gennaio 2021. Si applicano alle esportazioni, importazioni e spedizioni intra-UE di rifiuti di plastica:

Esportazioni dall'UE

E’ vietata l'esportazione di rifiuti di plastica pericolosi e rifiuti di plastica difficili da riciclare dall'UE a paesi non OCSE.

L'esportazione di rifiuti puliti e non pericolosi (destinati al riciclaggio) dall'UE verso paesi non OCSE sarà autorizzata solo a condizioni specifiche. Il paese importatore deve indicare alla Commissione europea quali regole si applicano a tali importazioni. L'esportazione dall'UE sarà quindi consentita solo alle condizioni stabilite dal paese importatore. Per i paesi che non forniscono informazioni sul loro regime legale, si applicherà la "procedura di notifica preventiva e consenso".

L'esportazione di rifiuti di plastica pericolosi e rifiuti di plastica difficili da riciclare dall'UE ai paesi OCSE sarà soggetta alla "procedura di notifica e autorizzazione preventiva". In base a questa procedura, sia il paese importatore che quello esportatore devono autorizzare la spedizione.

Importazioni nell'UE 

L'importazione di rifiuti di plastica pericolosi e rifiuti di plastica difficili da riciclare nell'UE da paesi terzi sarà soggetta alla "procedura di notifica e autorizzazione preventiva". In base a questa procedura, sia il paese importatore che quello esportatore devono autorizzare la spedizione.

Spedizioni intra-UE

La "procedura di notifica preventiva e consenso" si applicherà anche alle spedizioni intra-UE di rifiuti di plastica pericolosi e di rifiuti di plastica non pericolosi che sono difficili da riciclare.

Tutte le spedizioni intra-UE di rifiuti non pericolosi per il recupero saranno esentate da questi nuovi controlli.

Queste nuove norme modificheranno il regolamento sulle spedizioni di rifiuti dell'UE (regolamento (CE) n. 1013/2006 ) e attueranno la decisione presa da 187 paesi nel maggio 2019 alla 14a conferenza delle parti di la Convenzione di Basilea. Questa decisione ha istituito per la prima volta un regime globale che disciplina il commercio internazionale dei rifiuti di plastica, includendo nuove voci sui rifiuti di plastica negli allegati della Convenzione. Ciò dimostra che le istituzioni multilaterali stanno intraprendendo sempre più azioni vincolanti contro l'inquinamento da plastica. Vietando l'esportazione al di fuori dell'OCSE di rifiuti di plastica difficili da riciclare, l'UE si sta effettivamente spingendo oltre i requisiti della Convenzione di Basilea.

Nel 2019, l'UE ha esportato 1,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, principalmente in Turchia e paesi asiatici come Malesia, Indonesia, Vietnam, India e Cina. La quota di rifiuti di plastica esportati in Cina è drasticamente diminuita dall'adozione da parte del paese delle restrizioni sull'importazione di rifiuti di plastica nel 2018.

Leggi il regolamento sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea cliccando qui sotto.


Allegati

E' la prima volta che ci leggi