Vaglio mobile Hextra Ecostar
Camec

Garanzie finanziarie delle discariche

La Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie) ha audito il Comandante del nucleo speciale Polizia valutaria della Guardia di Finanza, Gen. B. Giovanni Padula, nell’ambito dell’inchiesta sulle garanzie finanziarie delle discariche.

Garanzie finanziarie delle discariche

Il Generale Padula ha dichiarato che tra i numerosi illeciti osservati nel settore delle garanzie finanziarie, il più diffuso in Italia è quello dell’esercizio abusivo delle attività di emissione di tali strumenti. Nello specifico, secondo quanto riferito, il settore assicurativo risente in maniera più importante della presenza di fenomeni illeciti, quale conseguenza di un regime meno rigido rispetto a quello bancario e finanziario.

L’audito ha riferito che la diffusione di questi strumenti fittizi o abusivi porta con sé un rilevantissimo rischio di danno, a volte irreparabile, per gli enti pubblici. Questi ultimi infatti, in occasione di gare o procedure pubbliche (quale è l’iter per l’autorizzazione di una discarica, su cui si concentra l’attenzione della Commissione) richiedono la presentazione di garanzie finanziarie, come disposto dalla legge.

 

Il Generale Padula ha inoltre riferito in merito ad alcune operazioni della Guardia di Finanza che hanno permesso di individuare fenomeni di illecita emissione di garanzie finanziarie nel settore dei rifiuti, ai danni di enti locali.

Il Generale Padula ha fornito anche alcune indicazioni su possibili interventi che potrebbero rendere più efficaci le attività di prevenzione e contrasto degli illeciti in questo ambito. Secondo quanto riferito, il nucleo speciale Polizia Valutaria sta studiando una soluzione, d’intesa con le Autorità di vigilanza interessate (Banca d’Italia, Consob, Ivass), oltre che con il supporto dell’Autorità nazionale anticorruzione, per il perfezionamento condiviso di procedure di scambio di informazioni riguardanti condotte di offerta di prodotti e strumenti finanziari in assenza delle previste autorizzazioni.L’audito ha inoltre auspicato una condivisione del patrimonio delle informazioni e delle iniziative di contrasto anche a livello europeo, data la natura transnazionale dei mercati finanziari e assicurativi, così come delle fattispecie di illeciti.

«Quando parliamo di garanzie finanziarie fasulle o inadeguate, dobbiamo sempre ricordare che il danno principale è alla collettività, sia sul fronte ambientale, sia rispetto alle casse pubbliche. Mentre prosegue il lavoro della Commissione sul tema delle garanzie finanziarie delle discariche, auspico dunque che le istituzioni riescano a trovare delle modalità per uno scambio informativo sempre più rapido ed efficace, per rafforzare le attività di prevenzione di questi illeciti», dichiara il Presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli.

 

Minini