Vaglio mobile Hextra Ecostar
Camec
Riciclaggio efficiente e sicuro di batterie e accumulatori agli ioni di litio

Riciclaggio efficiente e sicuro di batterie e accumulatori agli ioni di litio

BHS-Sonthofen presenta un nuovo processo a IFAT 2020.

A IFAT 2020 BHS-Sonthofen presenterà un nuovo processo per il riciclaggio di batterie e accumulatori al litio. Il cuore del processo è un trituratore di BHS e un essiccatore sottovuoto di AVA, che è entrato a far parte del gruppo BHS nel 2018.

I combustibili fossili vengono sempre più sostituiti da altre fonti energetiche. Il loro utilizzo richiede tecnologie di archiviazione efficienti. Tuttavia, le batterie e gli accumulatori al litio sono spesso criticati, perché le materie prime utilizzate per questa tecnologia sono prodotte in modo ecologicamente discutibile in regioni che sono considerate hotspot sociali. Ciò rende ancora più importante disporre di processi efficienti e sicuri che consentano di restituire al ciclo dei materiali le materie prime immesse nelle batterie e negli accumulatori esauriti. Insieme alla sua controllata AVA, BHS ha sviluppato un processo che consente il riciclaggio sicuro ed efficiente di accumulatori e batterie agli ioni di litio.

Processo sicuro per il riciclaggio delle batterie
Prima che le batterie possano essere distrutte in modo sicuro, devono prima essere scaricate. Successivamente, un primo trituratore BHS selezionato in base al materiale di alimentazione (celle o moduli batteria) viene utilizzato nella prima fase di triturazione. Se le batterie non sono state trattate con un processo termico ad alte temperature, le scintille nella macchina possono provocare l'incendio dell'elettrolito. Per eliminare questo rischio, viene utilizzato un trituratore personalizzato che è stato reso a tenuta di gas e che opera in atmosfera di azoto.

Una volta che gli strumenti di triturazione hanno ridotto il materiale di alimentazione alla dimensione desiderata, i pezzi cadono attraverso una griglia appositamente progettata. Le batterie triturate vengono riscaldate in lotti in un essiccatore sotto vuoto AVA situato direttamente a valle per far evaporare i componenti dell'elettrolita per il successivo recupero in un'unità di condensazione. I residui privi di elettroliti vengono quindi sottoposti a lavorazione meccanica a secco costituita da varie fasi di schermatura, separazione e modellatura delle sfere.


Minini

FOTOALBUM