Camec
NLMK Acciaio Quard

La digitalizzazione come motore dell'economia circolare

'La digitalizzazione cambierà in modo significativo l'economia circolare odierna', ne è certa Naemi Denz, direttore generale dell'associazione per il trattamento e il riciclaggio dei rifiuti della Federazione ingegneristica tedesca (VDMA).

La digitalizzazione come motore dell'economia circolare

"In futuro, la composizione del materiale di input verrà analizzata in tempo reale e il processo di trattamento sarà controllato dall'output. Per l'ingegneria meccanica e impiantistica ciò significa che la tendenza si allontana dal puro trattamento meccanico. I dispositivi di misurazione e analisi saranno utilizzati più comunemente, così come i componenti di automazione", prevede l'esperta.

Un esempio attuale di questo nuovo approccio è il progetto Holy Grail dell'associazione Petcore Europe: negli ultimi tre anni, 29 società ben note dei beni di consumo e delle industrie del riciclaggio hanno fatto sforzi per utilizzare filigrane digitali per creare una base migliore per la selezione plastica. Queste filigrane, ad es. codici invisibili all'occhio umano: erano stampati su etichette, maniche, pellicole, borse e bottiglie. Scanner specifici possono quindi leggerli e quindi fornire informazioni sul materiale degli imballaggi e se contenessero alimenti, cosmetici o detergenti. Secondo Petcore Europe, i sistemi di smistamento esistenti possono essere facilmente aggiornati con un tale scanner. Il prossimo passo attualmente previsto è testare la nuova tecnologia su una linea di produzione e su scala industriale.

E cosa significa Circular Economy 4.0 per le società di smaltimento e riciclaggio rifiuti? “Innanzitutto, investimenti a tutti i livelli. Dopotutto, le aziende devono portare avanti la loro digitalizzazione in modo ancora più rapido ed energico rispetto a prima e gestire nuovi concorrenti sul mercato", spiega Naemi Denz.

IFAT 2020 merita una visita in quanto fornirà una panoramica completa dello stato dell'arte del mercato. La principale fiera mondiale per la gestione delle risorse idriche, fognarie, dei rifiuti e delle materie prime, che si terrà dal 4 all'8 maggio 2020 presso il centro espositivo di Monaco, non solo presenterà le più recenti soluzioni digitali per l'economia circolare e l'efficienza delle risorse. Come al solito, il vasto programma di conferenze e discussioni dello spettacolo offrirà anche l'opportunità di saperne di più su tendenze, opportunità e rischi della digitalizzazione del driver di mercato da molti punti di vista.

LEGGI ANCHE: IFAT 2020, AUMENTA L'AREA ESTERNA


Ecomondo 2019