Camec
NLMK Acciaio Quard
Quattro chiacchiere con Nicolas Rousseau di Hyundai Construction Equipment Europe

Quattro chiacchiere con Nicolas Rousseau di Hyundai Construction Equipment Europe

Recycling Industry ha intervistato Nicolas Rousseau direttore vendite della Divisione Construction Equipment di Hyundai per comprendere come sta andando il mercato europeo, soprattutto quello italiano, e per capire quali macchine sono specifiche per il settore del recycling.

Recycling Industry: Hyundai è un importante costruttore di macchine da cantiere. Possiamo delineare come sta andando il mercato europeo e quello italiano?

Nicolas Rousseau: Le previsioni relative al periodo 2019 – 2020 evidenziano un mercato in linea con il 2018 per l’Europa. Alcune zone dell’Europa presentano dei valori molto alti, come l’est Europa dove prevediamo di crescere del 15% all’anno. Il Sud Europa (Italia, Spagna) è positivo ma cresce meno.

Ora il problema maggiore è dato dall’incertezza della brexit e da alcuni paesi come l’Italia che hanno un debito alto. Se l’Europa deciderà di penalizzare l’Italia, è prevedibile che anche il mercato italiano ne risentirà. Gli imprenditori devono trovare affidabilità nel mercato in cui operano per potere fare investimenti nell’acquisto delle macchine da cantiere.

Germania, Francia, Regno Unito e Italia rappresentano la maggior parte del nostro fatturato in Europa, soprattutto il mercato inglese è molto importante. Potete capire bene che questa incertezza non spinge il mercato e frena una ripresa costante.

Recycling Industry: Pensate di sviluppare la rete commerciale in Italia con nuovi concessionari?

Nicolas Rousseau: Come dicevo, il mercato italiano è molto importante per Hyundai. In Italia in questo momento abbiamo poco meno di una decina di dealers. È necessario rafforzare la nostra rete soprattutto nelle regioni del Sud Italia dove non siamo coperti. Nelle altre aree, invece, dobbiamo focalizzarci su rivenditori importanti e specializzati. Dallo scorso anno abbiamo nominato Luca Bellini come regional manager per il Sud Europa che ha proprio il compito di seguire e sviluppare la rete commerciale, in particolare per l’Italia.

Recycling Industry: Dove vengono prodotte le macchine che arrivano sul mercato europeo?

Nicolas Rousseau: Le macchine sono prodotte in Corea e raggiungono l’Europa tramite i porti principali: al Porto di Anversa arrivano prevalentemente le macchine per il mercato europeo, mentre al porto di Tilbury quelle per il Regno Unito. Ci serviamo anche dei porti italiani, come Livorno, Genova o Napoli per le macchine che sono in distribuzione in Italia. Normalmente la destinazione principale è Anversa in Belgio dove abbiamo un grande stabilimento in cui abbiamo a disposizione molte macchine di vari modelli per l’Europa. A Tessenderlo in Belgio possiamo anche adattare le macchine per le singole esigenze del cliente. Abbiamo realizzato la sede europea di Tessenderlo a fine 2017 con un investimento di oltre 30 milioni di euro. È un centro molto innovativo che occupa una superficie di 81.000 m², con un deposito ricambi da 12.000 m². Presso la sede europea è presente anche il centro di formazione europeo Hyundai Academy che occupa una superficie di 2.600 m²; è uno strumento utile e all’avanguardia per personale interno, concessionari e clienti. Potete quindi ben comprendere quale sia l’interesse di Hyundai per il vecchio continente. Il nostro obiettivo è arrivare entro il 2023 a posizionarci tra i cinque produttori leader del mercato globale.

Recycling Industry: Relativamente al settore del recycling, avete una linea dedicata o macchine specifiche?

Nicolas Rousseau: Abbiamo macchine specifiche come la Wheel Loader HL960 HD (heay duty) che abbiamo presentato in occasione del bauma 2019. Il nuovo modello di pale gommate HL960A da 19 tonnellate è dotato di un motore Cummins QSB6.7 Stage V, in grado di erogare 225 cavalli motore. Le nuove pale gommate serie A di HCE Europe sono fornite di funzionalità e caratteristiche originali. Le pale gommate serie A di Hyundai possono essere dotate di una videocamera posteriore. Per una maggiore sicurezza è anche possibile installare un sistema avanzato con 4 videocamere. Inoltre, Hyundai offre un sistema radar per la guida in retromarcia, simile a quello di un'automobile, che permette di rilevare gli ostacoli di giorno o di notte. Tutte queste funzioni di sicurezza rendono le pale gommate serie A di Hyundai tra le più sicure nel settore. Per una maggiore versatilità, Hyundai Construction Equipment offre anche alcuni modelli di pale gommate nella versione con telaio di carico esteso, nonché una versione Tool Master che offre forze di sollevamento parallele esatte, pensata per i clienti che si occupano di riciclo, gestione dei rifiuti o applicazioni industriali.

LEGGI ANCHE: HYUNDAI CONSTRUCTION EQUIPMENT NOMINA UN NUOVO DIRETTORE VENDITE

LEGGI ANCHE: HX900, 90 TONNELLATE DI POTENZA


Ecomondo 2019