NLMK Acciaio Quard

Sostenibilità Ambientale nei porti

Pianificazione energetica, tutela ambientale, dragaggio, gestione sostenibile, logistica.

Sostenibilità Ambientale nei porti

Si è tenuta il 6 Maggio presso la Camera dei Deputati a Roma, nella prestigiosa sede di Palazzo San Macuto, la Conferenza Nazionale Smart Ports. Pianificazione, gestione e sostenibilità ambientale nei porti ma anche piani energetici, economia circolare, dragaggio, logistica tra i principali temi trattati.

La prima parte dei lavori, moderata da Roberta Macii Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale Settentrionale, è stata aperta da Stefano Vignaroli Presidente della Commissione Bicamerale sugli Illeciti Ambientali, seguito da Francesco Maria Di Majo Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale in rappresentanza   dell’Associazione dei Porti Italiani, Massimiliano Lega Capo Segreteria del  Sottosegretario al Ministero dell'Ambiente Salvatore Micillo, Stefano Laporta Presidente del Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale e di Ispra, e Silvia Paparella General Manager di RemTech Expo.

"I porti sono un focus fondamentale per chi come la Commissione Ecomafie indaga sugli illeciti legati ai rifiuti. Dai porti passano molti traffici transfrontalieri di rifiuti, e lo stesso dragaggio dei porti incrocia significative questioni ambientali" ha sottolineato Stefano Vignaroli cui hanno fatto eco le parole di Francesco Maria Di Majo "Come AdSP dobbiamo lavorare insieme e fare sintesi delle necessitò dei porti su questo tema in sede Assoporti" e di Stefano La porta "La conoscenza del mare è fondamentale per una corretta pianificazione. Il Sistema mette a disposizione dati e informazioni su biodiversità, rifiuti, plastiche e tutto quanto riguarda l'ambiente marino", seguite da quelle di Massimiliano Lega “Il Ministero dell’Ambiente ha deciso di dedicare ampie risorse ai temi del mare e in questi mesi ha messo a punto piani ed azioni mirati e molto concreti per la tutela dell’ambiente marino come il decreto Salva Mare e a Io Sono Mare”, riprese anche da Silvia Paparella "I porti sono un sistema strategico per lo sviluppo del Paese Italia la cui competitività passa attraverso un Sistema Mare efficiente e Autorità di Sistema sempre più sostenibili. La messa in condivisione dei saperi e delle opportunità comuni e la valorizzazione delle eccellenze è il primo punto nell'agenda di RemTech".

E'  stata poi la volta degli interventi di approfondimento di Renato Grimaldi Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente che ha presentato le nuove Linee Guida per lo sviluppo dei piani energetico- ambientali nei porti e di Maurizio Ferla Direttore Responsabile Centro Nazionale per la caratterizzazione ambientale e la protezione della fascia costiera e l'oceanografia operativa di Ispra che ha riacceso i riflettori sul tema dei dragaggi e della gestione dei sedimenti in chiave di risorsa e di opportunità.

Nella seconda parte della giornata, con il coordinamento di Francesco Messineo Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, sono stati protagonisti, nell'ambito di un dibattito che già si preannunciava all'insegna della condivisione e dell'eccellenza, Ugo Patroni Griffi Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale e Vincitore dello Smart Port Award 2018, Francesco Maria Di Majo Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Marco Spinedi Presidente dell' Interporto di Bologna, Francesco Ventura in rappresentanza di OICE con delega all’Ambiente, seguiti da Luigi Bianchi  Direttore Tecnico di ambiente, azienda leader nel settore portuale e della pianificazione e dello sviluppo eco-sostenibile e partner tecnico della giornata e da Marco Mari Vice Presidente del Green Building Council Italia che ha sottolineato la necessità di potenziare il dialogo tra “green ports” e delle “green cities”.

Ha arricchito la giornata la presentazione in anteprima nazionale di Davide Benedetti, Amministratore di Decomar, della nuova flotta Italiana per l’ecodragaggio, una competenza interamente made in Italy pronta per conquistare il mercato.

Le conclusioni sono state affidate alle parole di Edoardo Rixi Sott.rio del Vice Ministro delle Infrastrutture dei Trasporti che commenta “Anche da queste giornate possono trarsi utili spunti ai fini di raggiungere l’auspicata semplificazione procedurale con il compatibile grado di garanzia di tutela eco-sistemica per permettere al sistema infrastrutturale portuale di essere efficiente e quindi preparato a reggere le sfide di un mercato assai dinamico in un momento storico in cui il nostro Mediterraneo è sottoposto a spinte competitive senza pari”.


Ecomondo 2019